Moussa Doumbia- A Global Game: il novello Ulisse che ha avuto il coraggio di varcare i limiti posti dalla terra d’Africa

Orgogliosi di raccontare il percorso che ha portato ogni nostro giocatore internazionale a vestire la nostra maglia.

“Hic sunt leones” è una celeberrima espressione associata nelle carte geografiche antiche alle Colonne d’Ercole, limite posto dagli dèi alla conoscenza dell’uomo, affinchè non si spinga oltre.

Moussa Tenin Doumbia, novello Ulisse di 2 metri e 9 centimetri, ha avuto il coraggio di varcare i limiti posti dalla magnifica terra d’Africa alla ricerca di una “casa” per il proprio talento ancora grezzo ed “inesplorato”.
Pur non conoscendo la nostra lingua, Moussa è riuscito fin da subito a comunicare tutto il proprio potenziale, la propria etica lavorativa e la spiccata determinazione.

Arrivato in Italia pochi mesi fa, senza fare troppo rumore, il classe 2005 maliano è stato in grado di ambientarsi nella foresteria nerostellata come se ci fosse stato da sempre.
È stata infatti la sua versatilità a colpire tutto l’ambiente della Stella Azzura che, fin dal primo istante, è diventata un porto sicuro per il quindicenne africano.

Ma l’Italia non è stato il primo paese ad aver accolto cestisticamente a braccia aperte Moussa.
Per la prima volta nella sua vita, all’età di quattordici anni, si è trovato fuori dal suo Mali e alle prese con una cultura e una lingua diverse, un altro mondo…
quello serbo.
Sono stati mesi lunghi e difficili per lui, di sacrificio, di dedizione, di solitudine.
Ma come sappiamo, “tutte le strade portano a Roma”, ed è proprio qui tra le pagine della nostra storia che Moussa vuole scrivere in modo indelebile il proprio nome con quell stessa tenacia, grinta e resilienza, che ad oggi hanno caratterizzato il suo cammino.

“Sono grato alla mia famiglia che, pur senza mezzi, mi ha sempre sostenuto.
Nonostante la distanza dai miei genitori, voglio proseguire a Roma la mia carriera cestistica. Vedo solo basket nel mio futuro.
So che la strada del successo non è spianata. Ed io sono pronto a raggiungerla con la dedizione ed il duro lavoro. Voglio essere come il mio idolo Rudy Gobert.”.

Contattaci